Main content

Alert message

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

 

SCUOLA PRIMARIA “ ALFREDO SOGGETTI “ SAREZZO

V. Don G. Bosco, 27ib p002 0 2 primariaS

25068 SAREZZO ( BS )

tel.0308907378 – fax. 0308901684 -  CM: BSEE8AF011

sito: www.iclapira.edu.it

docenti della scuola

Il materiale per gli iscritti al primo anno della scuola primaria 

I libri di testo per l'anno scolastico 2017-2018

I libri di testo per l'anno scolastico 2018-2019

Il materiale classi prime a.s.2018/19

 

Chi era Alfredo Soggetti?

Nasce a Tavernola Bergamasca nel 1926. Negli anni immediatamente precedenti la guerra si trasferisce a Sarezzo, dove trascorrerà il resto della sua esistenza. A Gardone frequenta la scuola di Avviamento Professionale e a 14 anni inizia a lavorare alla FARE (Fabbrica Armi Regio Esercito), sempre a Gardone VT, ma nel 1943 ,all’indomani del crollo del regime fascista, viene licenziato. Intraprende gli studi magistrali come privatista, fino al diploma e al superamento dell’esame di Stato.
Inizia così la sua carriera di maestro e successivamente di Direttore didattico. Oltre allo studio strettamente scolastico coltivò sempre la passione per l’arte, la musica e la pittura in primo luogo, e nella maturità quella per gli studi di storia locale.
Educato in famiglia ai principi della religione cattolica, negli anni della gioventù, che erano anche gli anni difficili della guerra, matura i propri valori frequentando a Sarezzo il curato don Angelo Pozzi e poi, nel dopoguerra, don Lio Pedersoli.
E’ negli anni del dopoguerra, gli anni della ricostruzione di una società civile lacerata da conflitti interni, anni quindi di forti passioni politiche, che inizia il proprio impegno nell’ambito più strettamente politico, partecipando all’attività dell’Azione Cattolica. Nei primi anni Cinquanta è Consigliere comunale a Sarezzo nelle fila della DC. Diviene poi vice Sindaco e nel 1956, a trent’anni, è eletto Sindaco.
Da questo momento la vita politica locale lo assorbirà e lo vedrà profondamente impegnato fino agli anni settanta, quando, in un clima che preludeva alle vicende politiche di questi anni, decide, almeno ufficialmente, di abbandonarla. Fino al 1966 è sindaco del suo Comune e proprio in quell’anno è eletto presidente provinciale delle ACLI.
Nel 1975 è nuovamente eletto sindaco nelle liste della DC, ma inseguito ad alcune manovre politiche che lo lasciarono amareggiato, preferisce dimettersi. Rimarrà comunque un punto di riferimento per gli amministratori locali, prodigo di preziosi consigli anche nelle situazioni più difficili.
Credeva nella famiglia, che con la moglie Lucia creò numerosa, e credeva nella necessità di una educazione e di una convivenza civile e politica improntata all’onestà, alla libertà di pensiero, al senso critico della discussione e del dialogo aperto.
Di carattere piuttosto schivo dimostrò sempre il più assoluto disinteresse per la carriera politica fine a se stessa e per i riconoscimenti ufficiali. Muore il 17 aprile del 1993.

tratto da http://www.acliprealpino.it/mondo_acli/acli_provinciali/personaggi_illustri/soggetti.htm